Contenuto Principale

| Marce e Corse

| Manifestazioni e tempo libero

Final climb al Tour de Ski sulla rampa del Cermis in Val di Fiemme: ciliegina la sfida goliardica tra i big Zorzi e Ghedina

Final climb al Tour de Ski sulla rampa del Cermis in Val di Fiemme: ciliegina la sfida goliardica tra i big Zorzi e Ghedina

La Final Climb del Tour de Ski in Val di Fiemme, in Trentino, è una sfida mondiale: chiede impegno massimo agli atleti e regala spettacolo, con le televisioni di mezzo mondo a gustarsi i 9 km in tecnica libera e punte che sfiorano il 30% di pendenza,

calcolando una media del 12%, 420 metri di dislivello e gli ultimi 3.5 km tutti da effettuare con lo sguardo verso il cielo.

A trainare l'evento lo scontro goliardico tra due grandi dello sci azzurro. Kristian Ghedina e Cristian Zorzi hanno già assentito a sfidare il Cermis, due che non sembrano aver ancora voglia di appendere gli sci al chiodo: “Zorro” era in dubbio, a causa della frattura del gomito subita in estate, ma la pista Olimpia III è troppo appetibile per uno come lui: “Tutto a posto, posso cominciare a sciare e sarò sul Cermis il giorno 7".

Una sfida impari sulla carta, con Ghedina abituato ad affrontare le piste all’ingiù e Zorzi all’insù. Estrosi? Entrambi, una caratteristica comune che ha fatto guadagnare a quest’ultimo un oro, un argento e un bronzo olimpico ed un oro e un argento mondiale, mentre il primo si è accaparrato due argenti ed un bronzo mondiale, una sfida particolare che condurrà le due glorie dell’inverno azzurro ad affrontarsi anche se in maniera goliardica. Ghedina mette già le mani avanti, vista la troppa attività fisica svolta da “Zorro”, ancora in forma smagliante: “Non ci sarà gara… Me la giocherò per i primi 100 metri ma poi mi straccerà! Bisognerebbe creare una “formula magica” e metterci a confronto anche in altri campi per rendere la competizione più equilibrata, ma Zorro va forte anche in discesa!”.

Una prima volta per Kristian Ghedina alla Final Climb, un habitué per Cristian Zorzi: “Ho affrontato la Final Climb sia da professionista che da amatore, e devo dire che le sensazioni sono simili, soprattutto per quanto riguarda la fatica e il tifo incredibile lungo la pista Olimpia III. Il popolo trentino ti sorregge e sostiene passo dopo passo. Per quanto riguarda la battaglia con “Ghedo” sui primi 100 metri non se la cava affatto male, ma poi esce la tecnica e l’allenamento e gli sono superiore. Lui è della vecchia guardia, uno di quei discesisti che sapevano fare tutto”.

Poco prima della Final Climb del Tour de Ski ci sarà dunque questa gara open di 9 km, stessa pista e stessa distanza su cui si affronteranno le stelle di Coppa del Mondo con start dal Centro del Fondo di Lago di Tesero ed arrivo, appunto, sull’Alpe Cermis, aperta a tutti gli sportivi in possesso dell’attestato medico di idoneità sportiva non agonistica. C'è tempo fino al 5 per iscriversi. Il 6 al Centro del Fondo di Lago di Tesero le Mass Start, mentre la “Rampa con i Campioni” scatta domenica 7 gennaio alle 9.30, prima di chiudere in bellezza alle 11.30 con la Final Climb femminile e alle 14.30 con quella maschile, la sfida più ambita del calendario fondistico mondiale. Dario Cologna e Heidi Weng i favoriti, ma occhio a Ustiugov e Oestberg. Il montepremi è da urlo nella “culla dello sci nordico”, oltre 477.000 euro.

Foto: Christian Zorzi (ufficio stampa Newspower, www.fiemmeworldcup.com)

| TRAIL DEGLI EROI

| FORZA E CONCENTRAZIONE

 

| LA CORSA PIU' PAZZA


© Littera srl Officina Editoriale Tel. 0424 833717 | P.IVA 03227510249 | Il grande Sport | Registrazione tribunale Bassano del Grappa n. 8/2004

Progetto StiKa©

| Realizzato da Progetto StiKa |