Vincere il tumore con la corsa, così Ornella ha conquistato la maratona di New York. Foto

  • Stampa
Vincere il tumore con la corsa, così Ornella ha conquistato la maratona di New York. Foto

Bella la storia di Ornella Dandolo, padovana, runner, donna di grande coraggio e profonde convinzioni nella vita. Una donna che ha lottato contro il cancro con la corsa.

Una storia raccontata dal Gazzettino di Padova, a firma di Giancarlo Noviello. Una storia che dà impulsi per capire come si possa trovare la felicità anche di fronte a una notizia annullante e disarmante come quella che le disse il medico un giorno: «Lei ha un cancro al seno».
Lei rimase impietrita, ha spiegato al giornale veneto, poi sono arrivate le cure oncologiche pesanti, «con il contino pensiero di non potercela fare».

Vincere il tumore con la corsa, così Ornella ha conquistato la maratona di New York. Foto

Battaglia lunga, faticosa, vinta pensando alla corsa. Un progetto immenso, volare a New York per correre la mitica maratona. Scatta il progetto "Run your life again", Ornella insieme ad altre ex pazienti dell'Istituto oncologico veneto di Padova si allena con grande impegno per arrivare a tagliare quel traguardo: «Avevamo l'idea di un’impresa al di là di tutto, anche della malattia». E così lei e le compagne hanno costruito un gruppo di donne super motivate e accomunate dall'esperienza del tumore e dalla volontà di dimostrare a chi combatte contro un cancro che la voglia di vivere non può fermarsi.

Vincere il tumore con la corsa, così Ornella ha conquistato la maratona di New York. Foto

Trascinata dal progetto pensato da Sandra Callegarin, paziente dello Iov che ha scoperto nella corsa una fonte di energia per combattere il tumore, dopo le cure Ornella si butta a capofitto in un progetto di sostegno allo Iov stesso e di speranza per la ricerca contro il cancro. Col marito crea la onlus “Run Your Life Again – Ryla”. Ogni anno una squadra di donne operate di tumore al seno, e una rappresentanza del personale medico infermieristico dello Iov che le ha seguite, affrontano dopo la sfida della malattia quella della maratona nella Grande Mela.

Ornella ha corso una quantità di maratone, le ama perché la fanno sentire viva facendo girare le gambe alla grande rispetto a quando le muoveva a fatica. Ricorda la prima NY, sognata fin da bambina, "frutto" della malattia. Dopo di che Ornella sa che può realizzare qualsiasi sogno.

Foto: dall'alto nel titolo un selfie di Ornella Dandolo, poi (prima a sinistra) con altre ex pazienti runner, quindi con una delle sue tante medaglie.