L'atletica prova a rinnovarsi: 'Berlino vola' con 5 nazionali, con i veneti Strati e Piantella e l'emiliano Pettenati. Foto

  • Stampa
L'atletica prova a rinnovarsi: 'Berlino vola' con 5 nazionali, con i veneti Strati e Piantella e l'emiliano Pettenati. Foto

L'atletica cerca nuove formule e avvicina gli appassionati. Così Fly Europe parte da Berlino: 5 nazionali da tre elementi ciascuna, velocità, salto in lungo e salto con l'asta davanti alla porta di Brandeburgo, a Berlino!

Una versione luccicante e spettacolare dei nostri sporadici "salti in piazza", che quest'anno vede due tappe, Berlino e Parigi. Per la verità nella capitale tedesca sono già esperti nel know how della manifestazione, che si tiene da qualche anno come "Berlin fliegt", Berlino vola, e per questo si parte da lì. Sulle pedane berlinesi in gara atleti di Germania, Francia, Regno Unito, Spagna, Italia.

Foto1/La nazionale per Berlino: Fly Europe

L'atletica prova a rinnovarsi: 'Berlino vola' con 5 nazionali, con i veneti Strati e Piantella e l'emiliano Pettenati. Foto

La formula spettacolo è tutta particolare. Nei 60 metri conta la velocità oraria raggiunta da ogni singolo atleta nei 20 metri centrali (ciascuno corre da solo); nell'asta ogni atleta chiude nelle buste le misure che vuol saltare, senza sapere cosa sceglieranno gli altri; nel lungo conta, su 4 salti, la media delle lunghezze acquisite. Un modo per incentivare lo spettacolo in uno scenario unico al mondo.

Foto2/ Lo scenario alla Porta di Brandeburgo

I tre azzurri convocati per la prima edizione di Fly Europe sono due veneti, Giorgio Piantella, padovano (Gruppo Carabinieri), nell'asta, e Laura Strati, vicentina (Atletica Vicentina Despar), nel lungo, e l'emiliano Simone Pettenati (La Fratellanza Modena) per la velocità.

Giorgio Piantella è un atleta di lungo corso. Classe 1981, vanta un personale di 5,60 e una dozzina di titoli di campione italiano (tra outdoor e indoor) e varie presenze in nazionale: è stato oro in Coppa del mondo militare indoor, argento alle Universiadi e ai Mondiali militari, bronzo ai Giochi del Mediterraneo. Allenato da Marco Chiarello.

Laura Strati, classe 1990, è un'atleta cresciuta a Cassola (Vicenza), nel Gs Marconi, società aggregata ad Atletica Vicentina Despar di cui porta la maglia. Quest'anno ha vinto a Rieti il suo terzo titolo italiano assoluto con 6,49, e pochi giorni dopo ha fatto un altro exploit a Lubiana vincendo il meeting internazionale con 6,59, settima prestazione italiana di tutti i tempi (peraltro con 6,53 detiene anche la quinta indoor). In sostanza ha mancato gli Europei di Amsterdam per 1 cm e le Olimpiadi per 11. In azzurro un settimo posto agli europei U23 e la partecipazione agli Europei assoluti indoor di Praga. Allenata da Daniele Chiurato con rifiniture di Paolo Camossi.

Simone Pettenati, giovanissimo, classe 1995, è stato il più veloce d'Italia quest'anno nei 60 metri indoor ai campionati promesse. Carpigiano, ha stabilito il personale già nelle batterie in 6"76. Ma poi in finale si è miglioraro in 6"73. Si è poi imposto anche nei 100 metri agli italiani outdoor di categoria. Grandi cose ha fatto al meeting di Stettino dove ha stabilito due volte il Pb, prima in 10"46 e poi in 10"43. Varie le maglie azzurre giovanili. Allenato da Stefano Cometti.

L'evento, l'11 settembre 2016 dalle 13 alle 15, va in onda sull'emittente tedesca ARD in diretta. Streaming possibile, spettacolo assicurato.

Articolo correlato

Alla ricerca di un'altra atletica: il messaggio di Praga 2015